Benvenuto su Solohobby

Solo Hobby nasce dall'idea di un gruppo di amici appassionati di pesca softair ed altri hobby che hanno deciso di mettere a disposizione, le proprie esperienze.
Il nostro obbiettivo e' quello di condividere le nostre esperienze con le conoscenze di tutti coloro volessero partecipare attivamente al progetto stiamo preparando una serie di iniziative atte a premiare chi investiara' del tempo per aiutarci a far crescere Solo Hobby.

Login utente

Hai perso la tua password?

Non sei ancora registrato? Registrati!

Cosa Ŕ il Softair

13 Dicembre 2011
Foto Articolo
Il Softair è uno sport riconosciuto dal CONI come FISA (Federazione Italiana Soft Air) dal 1996. Si tratta di una pratica nata in Giappone e poi diffusa anche in Italia. Si tratta di una simulazione in cui i giocatori di Softair (uomini e donne) si dividono in due (o più) squadre che individuano il loro capitano e devono raggiungere uno o più obiettivi in un lasso di tempo predefinito. Ogni giocatore ha in dotazione una o più armi giocattolo (pistola, fucile, mitraglietta) che possono facilitare o essere necessarie al raggiungimento dell'obiettivo assegnato. Nel Softair non è previsto il contatto fisico tra i giocatori che devono conseguire i loro obiettivi utilizzando le loro capacità strategiche, tattiche e la creatività.

Ecco alcuni esempi di obiettivi che possono essere richiesti ad una squadra di Softair all'interno di un gioco:

  • conquista, difesa o mantenimento di un oggetto (es. bandiera);

  • conquista, difesa o mantenimento di una postazione;

  • Rifornimento ad una postazione assediata;

  • liberazione di un prigioniero e suo trasporto in un'area di sicurezza;

  • recupero di materiale strategico (es. veicolo militare, documenti....);

  • recupero e disinnesco di un ordigno;

  • superamento di un campo minato o di fili elettrici;

  • eliminazione della squadra avversaria;

  • allestimento di un campo base;

  • costruzione di un ponte;

In molti casi il gioco diviene più complesso trasformandosi in una vera e propria "storia".
In genere un incontro di Softair ha una durata che può variare dalle 2 ore ad una giornata intera, prevedere più giochi ed essere effettuato di giorno o di notte. Naturalmente le "notturne" sono più adrenalizzanti perchè impediscono ai giocatori l'uso della vista per le azioni e quindi la persona è stimolata ad usare gli altri sensi/risorse che di solito sotto-utilizza.
Il Softair necessita di ambienti generalmente boschivi ma può essere svolto anche in territori urbani come cascinali abbandonati, fabbriche dismesse, ruderi, cave abbandonate; tutti luoghi che, comunque, sono caratterizzati da ostacoli naturali o artificiali (in ogni caso affrontabili mobilitando le proprie risorse).
Il Softair non presenta alcun pericolo per il giocatore perché utilizza armi giocattolo che sparano pallini di ceramica molto piccoli che sono innocui (e non inquinanti). L’unico accorgimento richiesto è un abbigliamento adeguato che protegga la parte più vulnerabile del corpo, gli occhi, con maschere o occhiali. Oltre alla protezione per gli occhi, è d’obbligo una tenuta che mimetizzi il giocatore (tuta mimetica, vari mezzi di mimetizzazione).
L’eliminazione di un avversario (od accidentalmente di un compagno di squadra) colpito da uno o più pallini è rappresentata dalla sua stessa dichiarazione (esclamazione "morto!"). E’ ovvio, quindi, che una delle prime regole/requisiti di questo sport è la correttezza sportiva di chi lo pratica. In genere, comunque, allo scopo di interrompere "il flusso di pallini", ogni giocatore ha tutto l’interesse, se colpito, a dichiarare l’avvenuta morte. In ogni caso, il giocatore colpito si reca nell’apposita area (una sorta di campo/cimitero provvisorio) e potrà rientrare nel gioco successivo.
Scelto il gioco vengono costituite le diverse squadre tenendo conto delle armi in dotazione (cercando di equilibrare le risorse di ogni squadra) e dell'esperienza dei giocatori. Ogni squadra identifica un capitano (solitamente quello che i giocatori stimano più esperto) ed eventualmente un campo base (se il tipo di gioco lo richiede).

Se chiediamo ad un softgunner quali caratteristiche deve avere il miglior giocatore, egli risponderà che deve…..:

  • essere un buon tiratore

  • essere un camaleonte (all' occasione sa diventare "invisibile")

  • saper gestire gli imprevisti

  • mantenere la calma anche "sotto pressione"

  • saper lavorare in gruppo (non è un individualista)

  • saper muoversi nell' ambiente ("bosco", "macchia", "aree urbane")

  • amare e rispettare la natura

  • riconoscere gli errori commessi e imparare da essi

  • essere silenzioso, agile e veloce

Massimiliano S. 15-12-2011 21:56

Qualcuno sa aiutarmi aa scegliere un fucile per le prime esperienze??

Vuoi lasciare un Commento?


Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi »

Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati »

Aziende Associate

megastore

Le vostre foto

Il team di Pescaplanet con Sandro Onofaro al raduno di Acciaroli